Personaggi:

James Tiberius Kick, capitano - Sbonk, primo ufficiale vulcaniano - Leonard "Bounce" McCough, ufficiale medico - Nyota Hurrà, tenente addetto alle comunicazioni - Montgomery Scotch, ingegnere capo - Pavlov Rifacievich Chekov, giovane guardiamarina addetto agli armamenti - Hikaru Sulu, tenente timoniere, l'unico serio - George Harrison, cattivo di turno - Jr. Abrams, il vero cattivo di turno - Ch'u Bekk, Klingon al comando della I.K.C. Wookie - Carol Marcus, bionda

 

Voice over: 
	Spazio ultima frontiera. Questi sono i viaggi della nave stellare
Enterprise nella sua missione quinquennale alla scoperta di
strani nuovi mondi.

Sbonk:
Capitano, ho un rilevamento sui sensori a corto raggio.

Kick:
Di che si tratta, Sbonk?
Sbonk:
	Non posso esserne certo oltre ogni ragionevole dubbio,
	dal momento che le letture sembrano suggerire ipotesi
	mutuamente contraddittorie e l'esclusione di ogni possibile
	fattore di incertezza mi porta ad azzerare...

Kick:
	Sbonk!

Sbonk:
	Una nave. Con ogni probabilità un cargo civile. Codice
	di registro: S.S. Botan Ebay.

Kick:
	Hurrà, può stabilire un canale?

Hurrà:
	Subito, signore. (bisbiglia) È l'unica cosa che faccio
	su questa dannata nave e ancora mi chiede se posso farlo?

Kick:
	Come dice tenente?

Hurrà:
	Nulla signore. Canale aperto, signore.

Kick:
	Qui è il capitano James Tiberius Kick, dell'astronave
	U.S.S.R. Enterprise, nella sua missione quinquennale
	verso il sole dell'avv... volevo dire strani e nuovi mondi.

G.Harrison:
	I miei omaggi, capitano. È un onore incontrarla. La sua fama
	la precede nel subspazio.

Kick:
	(bisbigliando) Rileva dell'ironia, Sbonk?

Sbonk:
	Gli strumenti non indicano...

Kick:
	Per la miseria Sbonk! (di nuovo allo schermo) Posso sapere il
	suo nome?

G.Harrison:
	Montalbano sono.

Kick:
	Montalban ha detto? La sua voce era disturbata.

G.Harrison:
	Un problema al comunicatore, abbiamo avuto un'avaria di recente.
	Il mio nome è George Harrison.

Kick:
	Harrison. Dove l'ho già sentito?

G.Harrison:
	Non saprei, capitano.

Kick:
	Suonava in una band o qualcosa del genere?

G.Harrison:
	No, decisamente no.

Kick:
	Non importa. Come posso esserle d'aiuto?

G.Harrison:
	La Botan Ebay ha bisogno di riparazioni. Io e l'equipaggio
	l'abbiamo assemblata con pezzi di seconda mano comprati
	on-line. Fosse stato per me avremmo preso solo roba nuova,
	ma sono circondato da braccini! Sarebbe così gentile da
	fornirci il necessario?

Kick:
	Mi mandi una lista e farò il possibile. Kick off.

(Sibilo di porta scorrevole)

McCough:
	Ma che accidenti sta succedendo Jim?

Kick:
	Prestiamo soccorso a una nave in avaria.

McCough:
	Come a dire che la mia infermeria pullulerà di invalidi
	e virus alieni per le prossime settantadue ore!

Kick:
	Non drammatizzare, Bounce. Sono solo in panne; gli diamo
	una spintarella fuori dall'orbita e ci rimettiamo in viaggio.

McCough:
	Sarò pure un medico e non un ingegnere aerospaziale, ma so
	come vanno queste cose. Noi sbarchiamo con i pezzi necessari,
	ci facciamo un culo come un Gorn a montare tutto e loro per
	ringraziamento friggono metà delle nostre giacchette rosse.

Kick:
	Allora non devi preoccuparti, la tua è blu.

McCough:
	Ma che bella scoperta!

(Cicalino dell'intercom)

Scotch:
	Capitano, la Botan Ebay richiede il permesso di teletrasportare
	due persone a bordo dell'Enterprise.

Kick:
	Permesso accordato. Dev'essere George Harrison.

Scotch:
	Quello della band?

Kick:
	(fra sé) Lo dicevo io. (ad alta voce) No, signor Scotch, è il
	capitano della nave. Sa chi lo accompagna?

Scotch:
	Vuole sapere se porta i pantaloni o la minigonna? Mi dispiace,
	ma non ho ricevuto informazioni. So a mala pena che è umanoide.

Kick:
	Inizi pure le procedure, la raggiungo subito. Kick off.
	Bounce, vieni con me. Se ci sono dei virus sarai il primo
	a conoscerli. Il ponte è suo, Sbonk.

Sbonk:
	Tecnicamente signore il ponte è parte della nave, che a sua
	volta è di proprietà della Flotta Stellare, benché il concetto
	di proprietà privata sia stato destituito di ogni fondamento
	nel duemilacentoventisei a seguito della...

Kick:
	Metta il suo culo vulcaniano su quella poltrona, Sbonk!

Sbonk:
	Ricevuto.

(più tardi, in sala teletrasporto)

Scotch:
	Wheowwwhiiiiiii

Kick:
	Spero sia una minigonna.

McCough:
	Spero non sia infetta.

Scotch:
	Teletrasporto ultimato!

Kick:
	Dannazione!

McCough:
	(sorride)

G.Harrison:
	Lasciate che vi presenti il tenente Jr. Abrams, primo ufficiale
	sul Botan Ebay.

Kick:
	Texano?

Abrams:
	No, di Specula I.

Kick:
	Non credo di conoscere il suo mondo...

Abrams:
	Oh, è un delizioso pianeta la cui gente occupa il tempo speculando
	sulle idee altrui. Le rivendiamo come originali per guadagnare
	sontuosi margini di profitto. Siamo più bravi anche dei Ferenghi.

Kick:
	(scuotendo la testa)
	Vogliamo dare un'occhiata a quella lista?

G.Harrison:
	Sicuramente, capitano. A lei.

Kick:
	(sfoglia una cartelletta sulla quale sono pinzati alcuni fogli
	strappati e bisunti).
	Credo si possa fare. Scotch, le dispiace occuparsene?

Scotch:
	(accettando la cartelletta con la punta delle dita)
	Agli ordini, capitano.
	
Kick:
	Quanto a noi, perché non ci ritiriamo nella mia sala da pranzo e
	consumiamo un lauto banchetto alla faccia di entrambi gli
	equipaggi?

G.Harrison:
	(avvicinandosi all'orecchio del capitano)
	Non vorrei sembrarle scortese ma abbiamo una certa urgenza di
	ripartire. Non siamo statali come voi, non abbiamo finanziamenti
	quinquennali e questo genere di fortune. Perciò, se non si offende,
	proporrei di saltare i dieci minuti di episodio durante i quali
	io dovrei leccarle un po' il culo e fingere di interessarmi
	alla Flotta Stellare, mentre Jr. Abrams gira l'Enterprise
	a braccetto col suo tronfio ingegnere, ansioso di rivelare
	ogni più intimo dettaglio della nave. Abbiamo già provveduto
	a scaricare i vostri schemi durante il teletrasporto, invertendo
	il canale. Perciò sappiamo già come fare quello che dobbiamo
	fare, lei mi capisce.

Kick:
	Oh... sì certo. Fare quello... fare cosa?

G.Harrison:
	(allontanandosi e alzando il tono)
	Ma faccia come se avessi accettato. La cucina dell'Enterprise
	dev'essere certamente deliziosa.

Kick:
	(rimane interdetto a guardare G.Harrison)

McCough:
	(con una mano sul naso)
	Allora Jim, che aspetti a rispedirli indietro con tutti i loro batteri?

Kick:
	Molto bene, signor Harrison, torni pure sul Botan Ebay. Invierò
	subito due squadre di ingegneri per inziare le riparazioni.

G.Harrison:
	(salendo sulla pedana del teletrasporto)
	Non so come esprimerle la mia gratitudine. A buon rendere.

McCough:
	Tiè, jettatore.

Scotch:
	Wheowwwhiiiiiii

(Mezz'ora dopo, in plancia)

Chekov:
	Tutte le squádr trasferrìte!

Kick:
	Ottimo, signor...

Chekov:
	Guarrdiamarrina Pavlov Rifacievich Chekov.

Kick:
	Sembra piuttosto giovane. Fresco di assegnazione?

Chekov:
	Dicìassete anni e mêzzo, capitano, e questo è prrimo incàrico.

Kick:
	Faccia attenzione a dove mette le mani. Questo gioiello è
	appena uscito dai cantieri di San Francisco e se la riporto rigata
	mi degradano a facente funzione di cuoco. Sono stato chiaro?

Chekov:
	Crrisstallino, signorr.

Kick:
	Bene. Signor Sulu, prepari una rotta verso lo spazio aperto,
	nel caso il Botan Ebay avesse bisogno di essere trainato fuori
	dai detriti prima di riaccendere i motori.

Sulu:
	Sì, signore. Un momento... Si stanno muovendo!

Kick:
	Chi?

Sulu:
	Il Botan Ebay. Ha acceso i motori.

Kick:
	(stirandosi compiaciuto la giacchetta)
	Impressionante! I nostri ingegneri sono arrivati sulla nave solo
	trenta secondi fa.

Sbonk:
	Signore, se posso suggerire un'analisi alternativa del contesto...

Kick:
	Santo cielo, Sbonk! La vuole smettere di rovinare la poesia del
	momento?

Sbonk:
	Sono desolato di vestire i panni di Cassandra, ma tutto fa pensare
	che...

Kick:
	...che lei ha bisogno un periodo di franchigia! Ora basta Sbonk!
	Hurrà, apra un canale.

Hurrà:
	Hurrà, apro un canale. Che bello.

Kick:
	Qualcosa in contrario?

Hurrà:
	Ho studiato quarantasei eso-lingue e i rispettivi centoventinove
	dialetti ma la lingua più esotica che ho parlato è il Cockney con l'archivio
	di Londra. Ma non è un problema signore. Canale aperto, signore.

Kick:
	Qui è il capitano Kick. Signor Harrison, sembra che i vostri motori
	funzionino alla grande.

G.Harrison:
	E sentirà i nostri siluri, capitano! Addio!

Chekov:
	Puntíno luminoso in avvicinamento!

Kick:
	Alzare gli scudi!

Chekov:
	Scudi non rrispòndono!

Kick:
	Manovra evasiva!

Sulu:
	I motori non rispondono!

Kick:
	Hurrà, richiami il Botan Ebay!

Hurrà:
	Non rispondono!

Kick:
	Mi sembra lo sciopero interstellare del 2279!

Chekov:
	Prrepararsi a impaaatto!

(Due siluri colpiscono la nave. Tutti si lanciano dalle poltrone mentre un
marinaio semplice accende delle fontanelle di capodanno)

Kick:
	Maledetto George Harrison. Era una trappola!

Sbonk:
	Era quello che cercavo di dirle, capitano!

Kick:
	La prossima volta non faccia troppi giri di parole e dica semplicemente:
	trappola!

Sulu:
	Abbiamo visite signore.

Kick:
	Che altro c'è adesso?

Sulu:
	Tre sparvieri Klingon in disoccultamento.

Kick:
	Stato dei motori?

Sulu:
	Off-line, signore.

Kick:
	Scudi?

Chekov:
	Ancòrra gniente, signorr.

Kick:
	Scotch, cosa aspetta a ridarci potenza?

Scotch:
	Sto facendo il possibile con i pochi ingegneri che lei non ha spedito
	su quella stramaledetta nave!

Sbonk:
	Capitano, non per infierire ma mi sembra una situazione Kobayashi Maru.
	E questa volta non le basterà imbrogliare una subroutine.

Hurrà:
	I Klingon ci chiamano!

Kick:
	Sullo schermo.

(disturbi sullo schermo, quindi un'immagine si compone)

Kick:
	Qui è il capitano James T. Kick, della U.S.S.R. Enterprise. Non
	abbiamo intenzioni ostili.

Ch'u Bekk:
	Qui è il comandante Ch'u Bekk. Vi trovate al confine della zona neutrale.
	Allontanatevi o lo scontro sarà inevitabile.

Kick:
	I nostri motori sono in avaria. Dateci il tempo di ripararli.

Ch'u Bekk:
	Avete quindici minuti. Poi apriremo il fuoco. Ch'u Bekk, chiudo.

Kick:
	Avete notato anche voi qualcosa di strano?

Sbonk:
	È il Klingon più peloso che io abbia mai visto.

Hurrà:
	Sembrava un pastore bergamasco, aveva peli anche in faccia. (cicalino)
	Chiamata dal Botan Ebay.

Jr. Abrams:
	Salve Enterprise. Siete ancora vivi?

Kick:
	Mi faccia parlare con il capitano Harrison.

Jr. Abrams:
	Harrison è in pausa pranzo con il resto della troupe.
	Potete parlare con me.

Kick:
	I Klingon attaccheranno a momenti. Ci servono i nostri ingegneri per
	spostare l'Enterprise.

Jr. Abrams:
	Così, capitano! Strepiti ancora un po', la prego!

Kick:
	Il mio equipaggio sta per morire! Non mi importa della mia vita ma
	mi servono quegli ingegneri per salvare la nave!

Jr. Abrams:
	Sublime! Sento rabbia nella sua voce!

Kick:
	Aaaaaabraaaaaaaaaaaaams!

Jr. Abrams:
	Insuperabile! Lei è proprio tagliato per il ruolo di capitano, lo sa?
	Quasi quasi cambio idea e la lascio vivere... Abrams chiudo.

Sbonk:
	Signore, date le circostanze, dovremmo considerare l'ipotesi di
	arrenderci ai Klingon.

Kick:
	Mai! Non credo alle situazioni senza via di uscita!
	(pausa)
	Sa Sbonk, mio nonno diceva sempre che quando ti trovi fra due cavalli
	impazziti la tua unica speranza è farli scontrare l'uno con l'altro.

Sbonk:
	Se la memoria mi sostiene suo nonno morì soffocato.

Kick:
	Quei cavalli pesavano mezza tonnellata l'uno. Ora, tornando al
	presente: signor Chekov, si prepari a fare fuoco.

Chekov:
	Ma silùrri sono ancorra off-line.

Kick:
	Non sarà l'Enterprise a sparare. Sbonk, trovi i codici di sicurezza
	del Botan Ebay nell'archivio natanti intergalattici. Sulu, se ci è
	rimasta ancora un po' di spinta nei propulsori di manovra si prepari
	ad usarla. La temperatura sta per alzarsi là fuori.

Sbonk:
	Codici trovati, capitano.

Kick:
	Allora vediamo se è possibile restituire al signor Abrams il favore.

Sbonk:
	(digita sulla console)
	Abbiamo il controllo della loro nave.

Kick:
	Ottimo lavoro. Signor Chekov, quando sentirà la parola "stellare"
	dovrà fare fuoco.

Chekov:
	Un codice seggrréto! Agli orrdini, capitano!

Kick:
	Signor Sulu, orienti il Botan Ebay verso i Klingon.

Sulu:
	Botan Ebay orientato.

Kick:
	"Stellare" signor Chekov.

Chekov:
	(eccitato)
	Bersaglio centrato. I Klingon dirrìgono verso Botan Ebay. Rispondono
	a fuoco.

Hurrà:
	Conference call, capitano.

Kick:
	Sullo schermo.

Ch'u Bekk:
	(nella metà destra dello schermo)
	Grriiiiiiiiiiii

Kick:
	Problemi col traduttore?

Hurrà:
	(eccitata)
	Sì capitano!
	(ricomponendosi)
	Sta dicendo: neanche lo volevo fare io questo film.

Abrams:
	(nella metà sinistra dello schermo)
	Lei ha preso il controllo della mia nave!

Kick:
	Come lei ha preso il controllo della mia!

Abrams:
	Sono io il regista! Rilasci immediatamente i controlli del timone!

Kick:
	Allora rilasci i miei ingegneri!

Abrams:
	Ma sono giacchette rosse! Non hanno diritti sindacali! Ne può
	ordinare altri venti al comando stellare.

Chekov:
	Beccati questo!

Ch'u Bekk:
	Grrriiiiiiaaarrrrr

(I Klingon fanno fuoco ripetutamente)

Kick:
	(sottovoce)
	Signor Chekov...

Abrams:
	Non abbiamo sparato noi razza di idiota peloso! Dovevo lasciarti nel
	tuo brodo intergalattico.

Chekov:
	Un altrro!

Kick:
	Pavlov!

(I Klingon intensificano il fuoco)

Abrams:
	Smettila di fare fuoco, wookie! O ti giuro che non farai più un film in
	tutta la tua vita!

Kick:
	Abrams, i nostri ingegneri!

Abrams:
	Se li può scordare! Sono stuntman pagati per crepare e creperanno!
	Non ho contrattato un budget galattico per lesinare sulle giacchette
	rosse!

Chekov:
	E un altrro!

Kick:
	Pavlov la smetta!

Chekov:
	È più forrte di mé, capitano, come un rriflesso condizionato. Se sento
	la parrôla gallattico... ecco ho sparato di nuovo!

Sbonk:
	I Klingon stanno scaricando la loro intera dotazione sul Botan Ebay.

G.Harrison:
	(Tornando con la faccia sporca di ketchup)
	Ma che succede?

Abrams:
	L'Enterprise sta per distruggerci!

G.Harrison:
	Ma non abbiamo ancora svegliato John, Paul e Ringo!

Abrams:
	Pezzo d'idiota! Ancora pochi secondi e non rimarrà nessuno da svegliare!

Carol Marcus:
	Buongiorno sono la Dottoressa Carol Marcus.

Abrams:
	Ma sei vestita? Vai a spogliarti, su, che il film sta per finire!

Carol Marcus:
	Uffa! Va bene...

Kick:
	Noi possiamo salvarvi, Abrams! Mi restituisca gli ingegneri e il controllo
	della nave e ne uscirete vivi!

Abrams:
	Mai! A tutta la troupe: abbandonare il franchise! Ripeto: abbandonare
	il franchise! Randez-vous sul set di Guerre Stellari episodio VII.

Ch'u Bekk:
	Griiiaaawwww?

Abrams:
	No! Tu sei licenziato! Prenderò qualcun altro per il ruolo del pronipote
	di Chubeka.

Ch'u Bekk:
	(la faccia nelle zampe)
	Grrriaaaawwwwoooonnnnn...
	(alzandosi fiero)
	Griiiiaaaa!

Sbonk:
	Fuoco continuo dagli sparvieri Klingon! Il Botan Ebay sta per...

(Sequenza di quindici minuti di esplosioni)

McCaugh:
	(appena entrato col fiatone)
	Sono tutti morti, Jim!
	(annaspa)
	Scusate, ho fatto prima che ho potuto per dire la mia battuta.

Kick:
	I Klingon?

Sulu:
	Convergono su di noi.

Sbonk:
	Abbiamo di nuovo il controllo dell'Enterprise.

Kick:
	Sulu ci porti via di qui. Il più in fretta possibile.

Sulu:
	Rotta impostata!

Kick:
	Warp 12! Adesso!

(qualche istante dopo)

Sbonk:
	Siamo tornati nello spazio federale. I Klingon desistono dall'inseguimento.

Kick:
	Siamo salvi.

Sbonk:
	Lo stesso non si può dire dei nostri ingegneri.

Kick:
	Ha ragione.
	(attivando l'intercom dal bracciolo della poltrona)
	Scotch, mi sente? Ordini venti nuovo ingegneri al comando di flotta.
	Kick off. Sulu, riduca la velocità a Warp 6 e mantenga la rotta verso
	la Terra. E Chekov...

Chekov:
	Sì signorr?

Kick:
	Il nostro codice è revocato. Non sparerà più siluri quando sentirà la
	parola...

Chekov:
	(ansima)

Kick:
	galat...

Chekov:
	(suda)

Kick:
	...tico!

Chekov:
	L'ultimo poi smetto!

(L'Enterprise spara un siluro)

Sbonk:
	Abbiamo una nave davanti a noi!

Kick:
	Rapporto danni!

Sbonk:
	Era... la Reliant!

Kick:
	Cheeeeekoooooov!
	
(titoli di coda)

Voice over:
	E nel 2015 non perdete Star Trek III: Alla ricerca di un Plot


Cookie policy

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

You have allowed cookies to be placed on your computer. This decision can be reversed.